MotoStory

Inserisci testo da cercare:


Filtri facoltativi di ricerca:

Prodotti Novità
Prodotti Promozione

Le origini del freno a disco

Le origini del freno a disco

Al giorno d’oggi è assolutamente normale guidare una moto con il freno a disco: tranne i veicoli destinati ad un utilizzo particolare, praticamente tutti gli scooter e le moto prodotti dalla Honda impiegano questo efficace dispositivo. Furono sviluppati espressamente per alcuni modelli, quelli con prestazioni più esasperate. Il suo azionamento è semplice, intuitivo ed è di facile manutenzione. Tuttavia, fino a quando nel 1969, tra la sorpresa generale, la Honda non lo addotò sulla CB750 Four, era stato impiegato raramente sulle due ruote. Ma durante i collaudi pre-produzione di una 750 equipaggiata con il freno anteriore a tamburo, i tecnici Honda compresero che la nuova 4 cilindri necessitava assolutamente di una frenata migliore. Un nuovo sistema fu quindi sviluppato, optando per un impianto idraulico e scegliendo con cura i materiali da impiegare. Oggi il freno a disco con pinza flottante a singolo pistoncino della CB750 ci sembra un pezzo d’antiquariato, ma nel 1969 divenne il nuovo punto di riferimento per l’impianto frenante delle moto di grossa cilindrata e imponendo un nuovo standard che gli altri costruttori furono costretti a seguire.
Trovati 17 notizie suddivise in 2 pagine. Vai a pagina